Ricerca Interna
Change Language: en | de | it
RECENSIONE
Si trova sull'isola Nanuya Lailai, l'isola più vicina alla famosa Turtle Island, frequentata dalle star di Hollywood, dove è stato girato il film Laguna Blu. L'isola è piccola, si può girare a piedi tranquillamente in meno di due ore. Il resort è davvero molto bello ed intimo, soltanto otto traditional bure e quattro deluxe villas. Le ville sono disposte nel giardino antistante la spiaggia mentre i bure sulla collina tra gli alberi con una vista spettacolare. Noi alloggiavamo in uno di questi, non sono molto grandi ma molto carini e puliti. La spiaggia è davvero molto bella, lunga e con un mare da favola. Potrete rilassarvi sui lettini messi a disposizione dal resort e ben distanziati tra di loro. La spiaggia continua fino all'estremità dell'isola, la parte finale è di proprietà della Blu Lagoon Cruise, fortunatamente la crociera non passa quotidianamente perchè quando la nave attracca oltre a rovinare la visuale della laguna, gli ospiti del Nanuya non possono usufruire di quel pezzo di spiaggia. Diciamo che è la parte più bella, dove si formano lingue di sabbia che creano delle sfumature di colori davvero fantastiche dove noi abbiamo scattato un'infinità di foto e girato diversi video. Durante i sei giorni che siamo rimasti noi, la nave è passata un paio di volte senza creare troppi problemi, anche perchè rimane solo mezza giornata.
A differenza di tutti gli altri resort visitati non vi è alcun pacchetto per i pasti, sia per il pranzo che la cena il menu è a la carte, e nemmeno gli orari sono prestabiliti. Si può pranzare fino a tardo pomeriggio e cenare fino alle 21, ciò permette di avere una maggiore libertà sugli orari. A pranzo si può scegliere tra diversi piatti prevalentemente freddi o comunque veloci da cucinare tipo fish and chips e burger. Mentre per cena il menu non è ricchissimo e mentre alcuni piatti variano altri sono fissi. La qualità del cibo è molto buona e devo dire che si mangia bene.
Nota non troppo positiva va allo staff, che abbiamo trovato si professionale ma poco sorridente, a differenza della maggior parte dei fijani che si distinguono proprio per il loro sorriso stampato sulle labbra e per il loro "Bula". Il manager del resort tutto sommato è gentile e risponde ad ogni richiesta.
Resort promosso a pieni voti per la location, l'intimità, la riservatezza e la bellezza dei luoghi che lo circondano. Quando si arriva con il Flyer quello che si apre davanti a voi è davvero uno spettacolo. Vivrete dei giorni di pura pace e relax. Per quanto riguarda i servizi diciamo che deve migliorare parecchio, ma di questo ve ne parlerò qui sotto.
cosa fare/vedere
Vero che la location è bellissima e dunque un ospite potrebbe accontentarsi di quello ma se viene offerto un servizio bisognerebbe farlo con la massima professionalità. Già il giorno d'arrivo quando il manager ci ha presentato il resort poca attenzione ha riservato alle attività. I giorni seguenti abbiamo avuto la conferma che si le attività vengono organizzate ma non sono gestite al meglio. Il servizio taxi verso le isole vicine, che al momento della prenotazione mi era stato confermato, una volta sul posto sembrava fosse quasi un peso così no ne abbiamo mai usufruito.
Dal momento che la nostra idea iniziale di visitare un'isola al giorno non era più fattibile, abbiamo deciso di prendere parte all'escursione "Island Hopping" in modo da visitare almeno le bellezze principali circostanti. Al momento della prenotazione dell'escursione nessuno è stato in grado di spiegarci con esattezza cosa avremmo visitato e quanto tempo ci avremmo impiegato. Nonostante ciò prenotiamo la barca per questa "Island Hopping" nella speranza di poter vedere il più possibile. La mattina prestabilita ci presentiamo in anticipo al punto di ritrovo dove il signore dello staff addetto alle attività d'acqua ci dice che saremmo partiti fra una decina di minuti indicandoci la barca che normalmente veniva utilizzata per le escursioni. Passa il tempo e siamo ancora li quando una famiglia ospite chiede informazioni per un'altra escursione. Dopo quaranta minuti vediamo che l'intera famiglia sale su quella che sarebbe dovuta essere la nostra barca e noi veniamo dirottati verso una barca di un locale. Dunque ci ritroviamo a fare l'escursione con un fijano locale, che scatarrava e sputava in continuazione, con le cuffie alle orecchie dunque non si poteva nemmeno comunicare e con una barca che andava a passo d'uomo e con un motore che poteva fermarsi da un momento all'altro. Dopo che ci abbiamo messo un'infinità di tempo per raggiungere il vicinissimo Blue Lagoon Resort abbiamo chiesto di tornare indietro e di terminare l'escursione in quel preciso istante. Arrabbiati, molto arrabbiati abbiamo deciso che da quel momento in avanti avremmo fatto tutto da soli. Così abbiamo più volte noleggiato il kayak e visitato i dintorni facendo pure attività fisica!
Un giorno siamo partiti con l'obiettivo di circumnavigare l'isola, ne abbiamo circumnavigate due, la nostra e Turtle Island! Le due isole sono separate da uno stretto canale che durante la bassa marea sparisce. Noi non avendo visto alcun passaggio abbiamo proseguito pensando si trattasse sempre di Nanuya Lailai. Ad un certo punto eravamo stanchi e attratti dalla bellezza di una spiaggia abbiamo deciso di fare una pausa. Arrivati sulla spiaggia, avevo come la sensazione che avesse un qualcosa di familiare ma non riuscivo a trovare dei collegamenti. Mentre Andrea si trovava su un'alta roccia per fare foto, una piccola barchetta con due membri dello staff del Turtle Island Resort ed una coppia americana si dirige proprio verso la spiaggia. Andrea li accoglie con un simpatico "Bula" mentre loro sono abbastanza seccati. Ecco che mi sorge il dubbio di non essere sull'isola giusta ma esattamente a Turtle Island proprio sulla spiaggia di Laguna Blu! Le coppie ospiti del Turtle Island Resort possono decidere di passare un'intera giornata e la notte su quella spiaggia selvaggia per godere appieno della bellezza del posto e della massima privacy. Ora mi metto nei panni di quella coppia che avrà pagato fior di dollari per arrivare e trovarsi due pazzi come noi sulla spiaggia! Fatto sta che abbiamo ripreso il nostro kayak ed abbiamo proseguito il giro arrivando distrutti al Nanuya. Dovete sapere che è vietato andare su Turtle Island se non si è ospiti del loro resort. Ma visto che la giornata non era delle migliori climaticamente parlando e piovigginava abbiamo deciso di ritornarci qualche giorno dopo con il sole. Ovviamente non siamo scesi sulla spiaggia, anche perchè c'era un'altra coppia a goderne, ma abbiamo fatto le foto direttamente dall'acqua ed abbiamo raggiunto l'isolotto di fronte alla spiaggia!
Turtle Island è davvero bellissima, è un susseguirsi di spiagge selvagge bagnate da un mare meraviglioso. Tutte ti invitano a scendere, noi facendo il giro in kayak e stando molto molto vicini alla costa abbiamo potuto ammirarne la bellezza. L'acqua poi ha dei colori incredibili, si vedeva il fondale anche quando pioveva. L'esperienza in kayak con la pioggia è stata magnifica, sembravamo due dispersi nell'oceano, solo noi e la natura. Sempre in kayak abbiamo raggiunto Tavewa Island, esattamente sulla spiaggia dove si trova il resort Otto and Fanny's, e l'isola di fronte al Nanuya, Matacawalevu Island. A Matacawalevu abbiamo raggiunto una spiaggia isolata dove c'erano due bambini locali con il padre a raccogliere legna e foglie.
Per quanto riguarda le immersioni, il resort non ha un centro diving e si appoggia a quello del Blue Lagoon Resort situato sull'isola di Nacula. Vengono a prenderti direttamente loro (pagando un supplemento), ti portano al resort, si recupera l'attrezzatura e si parte. Come potete vedere dalla foto, ci sono diversi siti dove poter fare diving. Andrea è rimasto entusiasta dal primo sito visitato consistente in diversi tunnel di roccia. Io che non faccio immersioni sono comunque andata sulla barca pagando soltanto il trasferimento dal Nanuya al Blue Lagoon. Purtroppo però nei due siti dove siamo andati non era il massimo fare snorkeling.
Mentre Andrea recuperava l'attrezzatura io ne ho approfittato per fare un giro lungo la spiaggia e fare foto.
Il giro dell'intera isola fatelo quando la marea ve lo permette, ovvero quando la marea non è troppo alta altrimenti troverete il canale completamente coperto d'acqua. Noi a qual punto abbiamo dovuto deviare per i sentieri che passano in mezzo all'isola e che collegano un versante all'altro. Abbiamo apprezzato questo cambio di itinerario, perchè abbiamo avuto modo di vivere anche l'interno dell'isola, cosa che avremmo potuto fare anche durante la nostra escursione in cima alla collina per ammirare dall'alto la bellezza della Laguna Blu se solo il sentiero fosse stato ben segnalato.
Insomma, abbiamo passato parte del nostro tempo in kayak a visitare i dintorni e le isole vicine.
I tramonti sono davvero incredibili, colori fantastici con mille sfumature. Prendetevi un cocktail, che sono molto buoni, e gustatevelo sulla spiaggia ammirando il tramonto.

Contenuti a cura di: Astrid Airoldi